S&F OPEN STUDIO

Il ruolo multifunzionale del verde urbano



apri/chiudi testo
Località: Vitoria–Gasteiz, Paesi Baschi, Spagna
Anno: 2014
Tipologia: Ricomposizione ambientale di spazi pubblici
Progettisti: Gianluigi Pirrera, Giuseppe Scalora
Collaboratori: Carla Ferrara, Giovanni Messina, Viviana Russello


Questo lavoro sviluppa alcune considerazioni sul tema del progetto degli spazi aperti delle città tenendo presente i bisogni ecologici, sociali ed economici del nostro tempo, ma anche il ruolo attivo che i fattori estetici esercitano nell’uomo nella percezione di sé e della realtà. Più specificatamente, si prenderà a riferimento l’esperienza di Vitoria-Gasteiz (capitale dei Paesi Baschi, in Spagna, è stata la Capitale Verde Europea per il 2012) per riflettere sul valore del verde come elemento qualificante dei processi di trasformazione e riorganizzazione del paesaggio urbano. Un simile itinerario di pensiero non aspira certamente a fornire dei modelli da replicare, oppure delle soluzioni che appaiono giuste, quanto piuttosto a esporre un metodo nel tentativo di definire dei criteri compositivi di riferimento, in assenza dei quali verrebbe meno la possibilità di correlare le opere a un significato comune e a un pensiero vivo. Nessun principio progettuale ha infatti valore in sé, ma sorge da una tessitura di relazioni e da un incrocio di molti aspetti. Più in generale, possiamo affermare che, dato un determinato spazio che presenti uno o più nodi problematici, tra le svariate soluzioni progettuali vanno ricercate quelle più adeguate in relazione alle caratteristiche del luogo e alle esigenze degli uomini che lo abitano. In questo modo il verde estende i propri confini oltre il campo strettamente ambientale e si confronta con altri parametri di lettura e valutazione del paesaggio, quali, ad esempio, quelli relativi alla forma urbana, all’estetica, alle attività socio-economiche, alle infrastrutture, alla mobilità, all’ingegneria naturalistica (superando la sterile contrapposizione tra natura e costruito) e così via. Entro questa visuale può effettivamente costituirsi una rete integrata di spazi verdi in grado di suscitare nuove relazioni formali, funzionali e fruitive. L’assunzione di un tale metodo di lavoro richiede naturalmente una progettazione urbanistica improntata a criteri olistici e integrati. Non è, infatti, la pura e semplice esistenza di questi spazi o la loro presenza sensibile nel nostro campo percettivo che può interessarci, poiché essi sono sempre presenti in ogni città. Ciò che deve interessarci è il modo in cui un luogo viene creato, rimodellato e messo-in-visione (dal progettista) per soddisfare le esigenze di salute, benessere (nel senso più ampio del termine) e bellezza delle persone che frequentano o frequenteranno quel luogo.

21 images | slideshow

Link
https://www.openstudiosiracusa.com/il_ruolo_multifunzionale_del_verde_urbano-p23171

Share link on
CLOSE
loading